Abbiamo a la tua privacy.
In relazione all'informativa fornitami esprimo il mio consenso all'invio via e-mail della newsletter periodica relativa all'attività istituzionale, congressuale e commerciale di Fieracavalli.

13 NOV 2016

Fieracavalli 2016

Mungitura del latte di asina ragusana

A Fieracavalli è stato possibile assistere a dimostrazioni di mungitura di alcune asine da parte di allevatori specializzati al padiglione 10.

L’Italia è uno dei paesi con la maggiore varietà di razze asinine e il sistema allevatoriale insieme all’AIA cerca di tutelare e rilanciare l’uso di questi animali per conservare e valorizzare la biodiversità italiana e la salvaguardia del territorio. «Gli asini sono una razza a rischio di estinzione perché storicamente impiegati in usi agricoli e nel passaggio tra società rurale a quella industriale, sono drasticamente diminuiti. Come associazione allevatori di razza ci siamo posti il problema per combattere il rischio estinzione» spiega il veterinario Giovanni Lo Magno.

Per questo motivo AIA insieme alle Associazioni Nazionali e all’Associazione Regionale Allevatori della Sicilia ha coinvolto gli allevatori di asini di Ragusa del progetto Sicilian Roots. Per informare e sensibilizzare, sono state portate in fiera alcune asine ragusane, razza a rischio di estinzione, e sono state praticate dimostrazioni di mungitura davanti agli occhi incuriositi del pubblico presente. Il latte appena munto è stato offerto poi alle persone, spiegando loro le caratteristiche e le proprietà.

«Quello delle asine è un latte naturalmente ricco. La differenza sostanziale rispetto al latte vaccino è che qui non ci sono grassi; mentre nel latte vaccino arriviamo a 3,5/3,8%, nel latte di asina c’è solo lo 0,4/0,5% di grassi, tra l’altro insaturi, quindi i grassi “buoni”. La componente proteica è uguale a quella del latte materno, ma non determina intolleranze per i bambini e questo è il motivo per cui anticamente veniva usato come sostituto.  Ci sono pediatri che seguono i bambini di famiglie vegane che si stanno ponendo il problema della crescita dei figli e iniziano a consigliare di inserire nell’alimentazione dei figli il latte di asina» racconta Giovanni Lo Magno.

Con una mungitura si ottengono circa un litro, un litro e mezzo di latte che viene commercializzato spesso liofilizzato e può venire usato, oltre all’alimentazione diretta, sia nella pasticceria che nella cosmesi.

 

 

previous

IL GALA D'ORO SENSATIONS

next

UNA RICERCA DELL'UNIVERSITà  DI PISA RIVELA CHE IL CUORE...

 

Articoli correlati

 
Mipaaf
Regione Veneto
Provincia di Verona
Trenitalia
busforfun
classhorse
banco bpm
BMW
unicredit
agsm
AVVISO IMPORTANTE

Nessuna agenzia esterna è autorizzata a proporre e/o raccogliere pubblicità per conto di Veronafiere S.p.A.
LEGGI TUTTO